tellmegen logo

In che modo la genetica influenza la dipendenza dal tabacco? 

BLOG TELLMEGEN

Si stima che 15 milioni di adulti spagnoli fumino, il 34,4% della popolazione di età superiore ai 16 anni dichiara di fumare. Di questi, tra il 60 e il 70% è dipendente dalla nicotina. L’atto del fumare comporta una triplice dipendenza: nicotinica, psicologica e sociale. Tutti i fattori in gioco rendono difficile l’abbandono di questa malsana abitudine per il fumatore e per coloro che lo circondano.

Inoltre, è stato dimostrato il ruolo di alcuni geni nella dipendenza da nicotina. Se una persona si sottopone a un test genetico e i risultati indicano una maggiore predisposizione genetica alla dipendenza da nicotina, può influenzare i fattori ambientali per evitare la tentazione di iniziare a fumare.

Il tabacco è responsabile di circa 56.000 decessi all’anno in Spagna, di cui il 30% per cancro, il 20% per malattie cardiovascolari e l’80% per broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Il tabacco non colpisce solo i polmoni, ma ha conseguenze negative su tutte le cellule che compongono il nostro corpo.

Dependencia a la nicotina

 Quando si inala il fumo di tabacco, le particelle di catrame associate trasportano la nicotina nei polmoni, da dove passa al flusso sanguigno e quindi al cervello. In questo processo viene rilasciata la dopamina. Quando i neuroni sono sovraeccitati dalla nicotina, la secrezione di dopamina è limitata. A lungo termine, i neuroni adattano il loro metabolismo, richiedendo più nicotina per produrre lo stesso effetto iniziale. Di conseguenza, si sviluppa una dipendenza da nicotina perché il corpo ha bisogno di sempre più nicotina.

La capacità di assuefazione della nicotina è cinque volte superiore a quella della cocaina, ma è stato dimostrato che la dipendenza psicologica è più forte di quella fisica. Le abitudini e le associazioni create nel corso del tempo devono essere modificate e interrotte per stabilire nuove abitudini.

Va ricordato che il fumo aumenta notevolmente la probabilità di sviluppare il cancro ai polmoni. Pertanto, è importante conoscere l’influenza genetica dell’essere più dipendenti dalla nicotina con un’analisi genetica. La genetica svolge un ruolo importante nel consumo di tabacco. Tuttavia, è difficile identificare i geni candidati, il che dimostra che esistono più geni e che il fumo dovrebbe quindi essere considerato una malattia poligenica.

I test genetici possono essere utilizzati per determinare la predisposizione al fumo di una persona, nonché il suo livello di difficoltà a smettere di fumare una volta iniziato. Tuttavia, la cosa più consigliabile da fare è non iniziare a fumare e, se una persona è già fumatrice e vuole smettere, può rivolgersi al proprio medico per ottenere l’aiuto e le informazioni necessarie per abbandonare un’abitudine che danneggia tutti.

ACQUISTA ORA!