tellmegen logo

Perché alcuni farmaci ci fanno ammalare? 

BLOG TELLMEGEN

I farmaci sono sostanze utilizzate per curare, alleviare o prevenire una malattia, i suoi sintomi o effetti collaterali. Nel corso della nostra vita assumiamo diversi farmaci per trattare la stessa patologia, a volte a causa dell’età e a volte perché non sortiscono l’effetto desiderato. Scoprire perché alcuni farmaci ci fanno sentire male può essere la chiave per prescrivere un trattamento più efficace.

fármacos y el análisis genético

La scienza genomica che studia l’effetto della variabilità genetica di un individuo sulla sua risposta a determinati farmaci è chiamata farmacogenetica. In altre parole, studia come persone diverse rispondono allo stesso farmaco, a seconda delle loro alterazioni genetiche.

Conoscere la variabilità genetica di una persona aiuta a prevenire la tossicità e l’inefficacia terapeutica di un trattamento farmacologico. Anche se tutti i farmaci hanno effetti collaterali, non dobbiamo soffrirne. Se un farmaco ci fa stare male, può essere dovuto a una variabilità genetica che intensifica la tossicità del farmaco o fa sì che l’organismo non interagisca correttamente con il farmaco.

Sapendo che ogni persona è geneticamente diversa, possiamo avvicinarci alla medicina personalizzata se conosciamo le informazioni genetiche che ci definiscono. In questo modo è possibile ottenere una migliore risposta terapeutica e ridurre il numero di decessi causati da reazioni avverse ai farmaci o interazioni nella polimedicazione.

La compatibilità dei farmaci svolge un ruolo molto importante in questo processo. Conoscere queste informazioni vi permetterà di sapere qual è il trattamento migliore, in quanto vi indicherà quale farmaco produrrà meno effetti collaterali nel vostro organismo o quale è il dosaggio (dose) giusto per voi, al fine di ottenere il massimo dal trattamento.

Ma come possiamo ottenere queste informazioni? Eseguendo un test del DNA in cui viene analizzata la compatibilità farmacologica. Nell’analisi genetica vengono studiati due punti: la metabolizzazione del farmaco e l’interazione del farmaco con l’organismo.

Queste informazioni possono essere utilizzate per determinare se una persona metabolizza un farmaco in modo ultraveloce, veloce, intermedio o lento. In altre parole, se il farmaco trascorre più o meno tempo nell’organismo per svolgere la sua funzione. Quindi, se una persona metabolizza un farmaco in modo ultra-rapido, avrà bisogno di una dose più elevata di farmaco per ottenere una quantità maggiore di farmaco nel flusso sanguigno.

D’altra parte, un test genetico può essere utilizzato per scoprire come il farmaco interagisce con l’organismo. L’interazione farmaco-farmaco è la modifica dell’effetto di un farmaco quando viene associato a un altro farmaco. Può aumentare l’effetto (tipo sinergico) o diminuirlo (tipo antagonista). In altre parole, ci permette di sapere se il farmaco sta interagendo adeguatamente o, al contrario, sta producendo effetti collaterali indesiderati.

test genético de farmacogenética

Quando si assumono farmaci per una malattia cronica, è importante conoscere questi aspetti. Attualmente, nel mondo ci sono molte persone che devono assumere lo stesso farmaco giorno dopo giorno. Tuttavia, molti di loro sperimentano effetti collaterali che non dovrebbero o non notano miglioramenti significativi.

Grazie ai progressi della medicina, è possibile comprendere le variazioni genetiche individuali coinvolte nella metabolizzazione dei farmaci e nelle interazioni farmacologiche. Inoltre, è possibile identificare i farmaci più efficaci, le dosi più appropriate e le concentrazioni ottimali di farmaci, evitando effetti collaterali indesiderati e spiegando perché alcuni farmaci ci fanno sentire male.

ACQUISTA ORA!